Sostenibilità e performance eccellenti con gli imballi NextBag™ Selene per la produzione di tubolare FFS per ExxonMobil contenenti il 50% di polimero riciclato post-consumo.

L’impegno di Selene nella messa a punto di processi produttivi circolari per il recupero delle materie prime-seconde vede oggi concretizzare un’altra importante collaborazione con ExxonMobil.

 

Si tratta dello sviluppo di un tubolare FFS per HDS (Heavy Duty Sack) contenente il 50% di PRP (Polimero Riciclato Premium), la materia prima recuperata che mantiene inalterate proprietà meccaniche e spessore del film, aggiungendo all’imballo il valore imprescindibile della sostenibilità.

 

“Come azienda di trasformazione e riciclo, siamo impegnati ad aiutare la catena del valore e a rispondere alle crescenti esigenze di sostenibilità dei nostri clienti includendo nelle mescole produttive sempre maggiore quantità di PRP, il nostro Polimero Riciclato Premium", ha affermato Luca Massari, R&D Manager, Selene. 

 

“Le performance che stiamo riscontrando sugli imballi che impiegano percentuali importanti del nostro PRP, sono davvero incoraggianti. Il Tubolare FFS mantiene inalterate tutte le sue proprietà meccaniche e questo consente anche di non dover modificare le impostazioni della macchina del nostro cliente, come la temperatura e la produzione delle barre saldanti”.

 

"La conformità per adempiere agli obblighi normativi e la garanzia della sicurezza di assenza di contaminazione per l'uso previsto sono per noi aree chiave”, ha affermato Klaus Urbano, Direttore delle vendite di Selene. “Il nostro è un processo rigoroso per garantire che il PRP sia di alta qualità costante. 

È questo uno dei motivi perché la tracciabilità e l'adeguatezza del materiale di riciclo siano sempre accompagnate da documentazione appropriata”. 

 

“Le nostre soluzioni soddisfano la domanda di un approccio sostenibile alle applicazioni di film flessibili introducendo contenuto riciclato (PRP) post-consumo”, ha affermato Marco Rubertà, Direttore tecnico di Selene. 

"L'uso di Polietilene riciclato nei film per imballaggi flessibili sta guadagnando terreno in Europa e stiamo riscontrando un notevole interesse da parte di tutta la supply chain, anche a livello mondiale".

 

L’approccio produttivo NextBag™ è la risposta Selene alle concrete esigenze di tutela ambientale e risponde perfettamente alla Plastic Strategy messa a punto dalla Comunità Europea, oltre che accogliere l’impegno della Circular Plastic Alliance che si prefigge di raggiungere, entro il 2025, 10 milioni di tonnellate di plastica riciclata per la produzione di nuovi prodotti.

 

Scopri la case history qui:
ExxonMobile-Selene case study









 

Welcome to Selene!
Resta in contatto con noi.
X
Selene